Zeno Toppan
IL FUNERALE DI EDWARD BLOCK

«Le spiegherò ora come mai, Edward, io la ritenga un uomo fortunato. Un caso unico ed eccezionale. Quando avrò finito di illustrarle questa mia teoria, forse arriverà anche lei a credere che la psiche umana altro non è che un gioco complicato di causa ed effetto: una macchina perfetta che quando si rompe è talvolta in grado di ripararsi da sola...»

RECENSIONI

Un uomo che, all'invito «si accomodi dove preferisce», va sempre a cercare la sedia più umile e scomoda. Che non si sbilancia mai, è infastidito da ogni minimo cambiamento, evita ogni emozione, come sola "passione" gioca a bocce con degli anziani, è sempre d'accordo qualunque cosa gli venga proposta, fa di tutto per non essere notato, vive come rinchiuso nel guscio protettivo di abitudini immodificabili. La sua vita è un film di cui è spettatore piuttosto che primattore.

Il funerale di Edward Block è il primo romanzo di un giovanissimo scrittore bergamasco, Zeno Toppan. Una delle cose più notevoli è proprio la caratterizzazione del protagonista, uomo della rinuncia, dell'anestesia di ogni istinto vitale, incastrato, per certi tratti, in una anticipata "senilità" sveviana, la cui filosofia di non vita è fare come la metropolitana: viaggiare dritto sempre sugli stessi binari perché tutto fili liscio.

Soggetto a inspiegabili svenimenti, che costituiscono la sua unica specialità, risulta, a ogni visita, sano, affetto, piuttosto, da disturbi psicosomatici. Edward va da uno psicanalista molto sui generis, che interpreta i suoi svenimenti come frutto della soppressione della parte più viva del suo essere, della sua perdita di interessa a quel gioco, quella "caccia al tesoro" – cioè «l'idea che ci sia un senso, uno scopo» –, che sarebbe, per il dottore, l'esistenza umana. Ma la creatività è parte imprescindibile dell'animale-uomo.

L'amica più abituale di Edward è la signora Gray, vedova di un orologiaio e pittore. Da lei Block sente una frase ricorrente del defunto marito, da cui resta fortemente suggestionato: «Le persona sono come orologi, devi vederla fatte a pezzi per capire come funzionano».

Estatico davanti a una tela bianca nello studio del fu pittore, viene colto dalla "voglia matta e incontrollabile" di dipingere; i suoi soggetti fissi saranno uomini-macchina con gli ingranaggi fatti a pezzi. Persino quell'opaco impiegato, sorpreso da vocazione a lui ignota, diventa, malgré soi, artista di fama internazionale. Un personaggio che poteva iscriversi, da una parte, nella tradizione degli "inetti" e "senza qualità", dall'altra dei Monsù Travet fino a Fantozzi, si ritrova catapultato in palazzi signorili «dalle parti di Chelsea», tra «calici di champagne e tartine al caviale».

«Di fantozziano», chiarisce Toppan, «il mio romanzo ha il tono, il "passo"; però Edward è profondamente diverso dal personaggio di Villaggio. A distinguerli è la pacata e serena rassegnazione di Block alla sua condizione di "eterno ultimo", contro la tragica e ironica "ansia di migliorarsi" di Fantozzi. Il personaggio non è stato ispirato da una tradizione letteraria, quanto piuttosto da una serie di articoli che avevo letto su alcune riviste on line anni fa: parlavano della creatività e di quanto fosse impossibile essere individui non creativi. Da qui, per gioco, ho voluto costruire un personaggio impossibile: un uomo completamente refrattario alla creatività.»

Viene da chiedersi, allora, che senso abbia la parabola del protagonista. «Edward non è un personaggio che ha un vero e proprio sviluppo: la sua forza è la sua capacità monolitica e gravitazionale. Mi piace pensare a lui come al Bosone di Higgs: una particella sottile che dà colore e sostanza a qualunque persona incontri. Di fronte alla sua parabola, i personaggi che gli orbitano attorno riflettono su quella che è la loro capacità "agentiva" all'interno della propria vita.»

Vincenzo Guercio (L'Eco di Bergamo, 24.07.2018)

PRESS

STAFF

 

SPECIFICHE

Zeno Toppan
IL FUNERALE DI EDWARD BLOCK

Format: romanzo
Genere: psicologico, paradossale

ISBN: 9788899959142
Collana: i ciottoli
Anno: 2017
Edizione: brossura
Pagine: 256

Prezzo: € 15,00
Prezzo Vocifuoriscena: € 14,25


 


Via Piave, 1 - 01100 Viterbo (VT)
 Tel 339 7679272
 P.IVA 02336160565

ACQUISTA

Il funerale di Edward Block
 

€15.00

€14.25

Metti nel carrello